Ho appena terminato un lungo percorso di rebranding, logo nuovo, servizio nuovo…

Sai qual’è stata per me la cosa più difficile durante il mio viaggio? Guardarmi allo specchio e fare finta di essere una mia cliente: fare Brand Clearing su di me. Lavorare su se stessi è faticosissimo!

Dare per scontato chi sono e a me non servisse fare lo stesso percorso che propongo ai miei clienti perché tanto io avevo le cose chiare in testa è stato un altro mio errore, e quando l’ho capito e mi sono messa a testa bassa a lavorarci come fossi una sconosciuta le cose hanno iniziato a funzionare.

Alcuni errori nel percorso di creazione dell’identità visiva

Dare per scontato

Io sono chi sono e cosa voglio dire. Yes, allora prova a scriverlo.

Riesci a scriverlo bene, in pochissime parole e in modo chiaro? Ora chiedi a qualcuno di leggere ciò che hai scritto e di fare finta di presentarti ad un amico. Quello che lui racconta di te ti farà riflettere…

Andare dritta alla parte visiva

Argh, è la parte più divertente e stimolante, come non andare subito a riempire una bacheca su Pinterest in cerca di cose belle?

Prima invece è necessario, ripeto: n e c e s s a r i o fissare i paletti che determinano la personalità e l’area di competenza del tuo biz. In questo modo la ricerca sarà guidata e produrrà risultati utili.

Iniziare dalla ricerca invece che dall’analisi

Prima stabilisci chi sei/vuoi essere, poi guardati intorno.
Se prima ti guardi intorno rischi di ispirarti a quello che fanno/sono gli altri e di copiarli senza metterci del tuo.

Concentrarsi su ciò che piace ed è di tendenza

Preparare grafiche e immagini che piacciono esteticamente, che assomigliano a quelle dei professionisti che hai come punto di riferimento, ma che non ti rispecchiano e non rispecchiano il tuo business. Oppure prendere dalla rete quello che “va di moda” e declinarlo su di sé.

Voler fare tutto, subito e anche da sola

Questo è un bel problema. A volte però è necessario farsi dare una mano, chiedere a qualcuno di guardarci bene da fuori e… ascoltare cosa ci dice. Lasciar sedimentare, pensarci su e solo allora prendere delle decisioni.

 

Se stai pensando ad un rebranding, quali sono i tuoi timori? Scrivilo nei commenti.